Frequentare l’Università all’estero: da dove partire per fare la scelta migliore e applicare per un corso di studi che faccia realmente la differenza.

Iscriversi all’Università non è una scelta banale e sentirsi spaesati è una sensazione molto comune.

Anche tu stai per finire la scuola superiore e non sai che strada intraprendere? Non agitarti, possiamo darti una mano! Ti forniremo, in questa sede, ma molti consigli che potrai considerare per orientarti meglio!

università estero

Per prima cosa se hai valutato di frequentare l’Università all’estero, hai già una grande passione per le lingue straniere, sei una persona curiosa e interessata a conoscere culture nuove. E questo, che tu lo creda o no, è già un fattore in grado di fare la differenza e aiutarti a compiere una prima scrematura.

Università all’Estero VS Università in Italia: i vantaggi dell’espatrio.

La prima scelta, se stai leggendo questo post, l’hai forse già fatta. Sai che frequentare l’Università all’estero ti darà grandi vantaggi, come:

  • Ricevere una formazione meno didattica, più pratica e flessibile rispetto a quella italiana
  • Avere uno sprint in più, una volta intrapresa la carriera professionale
  • Ricevere molte possibilità di internship qualificate
  • Divertirti! Anche questo aspetto è importante e la vita all’interno dei campus con studenti internazionali sa essere davvero molto stimolante!
  • Conoscere persone provenienti da tutto il mondo e fare un’esperienza di vita impagabile!

Tuttavia è sempre molto difficile capire, sulla base della vastità dell’offerta dei vari atenei, come orientarsi per fare la scelta decisiva. Fondamentale è capire che non esiste la scelta migliore ma quella giusta:

  • In base alle tue possibilità economiche
  • Relativamente alle tue ambizioni
  • Sulla base alle tue attitudini

Ma prima di navigare in rete e perderti nel mare magnum di proposte, tieni a mente 1 consiglio e poi decidi. Vedrai che sarà molto più semplice capire cosa fare e dove andare.

Consiglio: farsi un’idea dell’Università all’estero in base ai ranking.

Quacquarelli Symonds, una società britannica che si occupa di servizi per studenti universitari in tutto il mondo, ha pubblicato i QS World University Rankings, ossia una delle classifiche annuali delle migliori università del mondo, maggiormente riconosciute.

La classifica, riferita all’anno accademico 2017/2018, stila l’elenco delle 900 eccellenze universitarie del pianeta e si fonda su diversi fattori, espressi in percentuale.

  1. 40%  conta la reputazione accademica, calcolata in base alle risposte date dagli addetti ai lavori che operano all’interno di specifiche strutture universitarie e ricercano in un determinato campo.
  2. 10% il giudizio si fonda sull’opinione che hanno i datori di lavoro, i quali valutano le risorse in base all’università di provenienza.
  3. 20% si considera il rapporto tra addetti ai lavori all’interno dell’università e studenti iscritti.
  4. 20%  si valutano le pubblicazioni scientifiche in cui tali università vengono citate
  5. 10% si considera il numero di docenti e studenti stranieri, presenti all’interno dell’università.

Adesso, dovresti avere una visione un po’ più chiara del panorama accademico e universitario estero. Ma se così non dovesse essere, puoi provare a consultare la classifica del 2018 e vedere se, all’interno di una delle Università in elenco, si insegnano corsi in linea con i tuoi interessi e le tue attitudini. 

Anche nel caso in cui dovessi decidere di escludere questa lista dalla tua decisione finale, non preoccuparti: può essere comunque e senza dubbio un’ottima linea guida. Non sei convinto? Provaci e contattaci, qualora dovessi avere ancora difficoltà!

 

, ,